Il libro delle meraviglie
eBook - ePub

Il libro delle meraviglie

Giovanni Tritemio, Alessandro Boella, Antonella Galli

  1. Italian
  2. ePUB (disponibile sull'app)
  3. Disponibile su iOS e Android
eBook - ePub

Il libro delle meraviglie

Giovanni Tritemio, Alessandro Boella, Antonella Galli

Dettagli del libro
Anteprima del libro
Indice dei contenuti
Citazioni

Informazioni sul libro

Il Libro delle Meraviglie di Giovanni Tritemio è un testo chiave della tradizione ermetica. È suddiviso in due parti: la prima è un'introduzione-saggio in cui sono presentati la figura di Tritemio e alcuni estratti dalle sue lettere e dai suoi scritti di carattere ermetico-magico. La seconda parte è una raccolta di processi e segreti alchemici e magici (che conosciamo, con diversi titoli, da alcuni manoscritti del XVIII secolo, i cui contenuti risalgono certamente a un'epoca di molto anteriore), pubblicata solo verso il 1855 con il titolo Wunder-Buch. Si tratta di un'incredibile mole di istruzioni operative, un vero e proprio manuale di "tecnologia sacra" che affonda le proprie radici nella notte dei tempi e che ha avuto una lunga storia nello sviluppo dell'esoterismo occidentale.

Domande frequenti

Come faccio ad annullare l'abbonamento?
È semplicissimo: basta accedere alla sezione Account nelle Impostazioni e cliccare su "Annulla abbonamento". Dopo la cancellazione, l'abbonamento rimarrà attivo per il periodo rimanente già pagato. Per maggiori informazioni, clicca qui
È possibile scaricare libri? Se sì, come?
Al momento è possibile scaricare tramite l'app tutti i nostri libri ePub mobile-friendly. Anche la maggior parte dei nostri PDF è scaricabile e stiamo lavorando per rendere disponibile quanto prima il download di tutti gli altri file. Per maggiori informazioni, clicca qui
Che differenza c'è tra i piani?
Entrambi i piani ti danno accesso illimitato alla libreria e a tutte le funzionalità di Perlego. Le uniche differenze sono il prezzo e il periodo di abbonamento: con il piano annuale risparmierai circa il 30% rispetto a 12 rate con quello mensile.
Cos'è Perlego?
Perlego è un servizio di abbonamento a testi accademici, che ti permette di accedere a un'intera libreria online a un prezzo inferiore rispetto a quello che pagheresti per acquistare un singolo libro al mese. Con oltre 1 milione di testi suddivisi in più di 1.000 categorie, troverai sicuramente ciò che fa per te! Per maggiori informazioni, clicca qui.
Perlego supporta la sintesi vocale?
Cerca l'icona Sintesi vocale nel prossimo libro che leggerai per verificare se è possibile riprodurre l'audio. Questo strumento permette di leggere il testo a voce alta, evidenziandolo man mano che la lettura procede. Puoi aumentare o diminuire la velocità della sintesi vocale, oppure sospendere la riproduzione. Per maggiori informazioni, clicca qui.
Il libro delle meraviglie è disponibile online in formato PDF/ePub?
Sì, puoi accedere a Il libro delle meraviglie di Giovanni Tritemio, Alessandro Boella, Antonella Galli in formato PDF e/o ePub, così come ad altri libri molto apprezzati nelle sezioni relative a Philosophy e Utilitarianism. Scopri oltre 1 milione di libri disponibili nel nostro catalogo.

Informazioni

Editore
La Lepre
Anno
2013
ISBN
9788896052785
Argomento
Philosophy

Il “maestro perfettissimo di magia naturale”[1]

«Dietro la magia di Tritemio si può individuare
una considerevole tradizione esoterica»
Francis Amelia Yates[2]
Nato a Trittenheim[3] il 1° febbraio 1462 da Johann Heidenberg o Eidenberg, di nobili origini, e da Elisabeth von Longwich, Johann portava il cognome del padre, morto quando egli aveva un anno. Quando la madre si risposò, sette anni dopo, da quel matrimonio nacquero diversi figli che morirono tutti giovanissimi eccetto uno, Jakob, che più tardi costituì quasi l’unico legame con la sua famiglia.
Johann dovette assumere il cognome del patrigno, che però si rifiutò di portare. Spinto da un forte impulso agli studi, favoriti inizialmente da uno zio paterno, Peter Heidenberg, su suo consiglio, nel 1479, a 17 anni, si allontanò dalla famiglia e partì per Treviri, ove studiò alla scuola di un monastero; passò poi in altre città e in altre scuole, per approdare infine, a 18 anni, a Heidelberg, uno dei centri culturali tedeschi più importanti e già celebre per la sua università, che era la più antica della Germania.
Suo primo insegnante fu Johann Dalberg (1445-1503), cancelliere dell’Elettore Palatino del Reno, un grande erudito in lettere classiche che, valutate le sue qualità, gli facilitò l’ingresso all’università esonerandolo dal pagamento della retta.
Proveniente da un’antica e nobile famiglia che godeva di speciali privilegi, Johann Dalberg studiò teologia a Erfurt, poi lettere classiche a Vienna e a Heidelberg; in seguito si recò in Italia, prima a Pavia e poi a Padova e a Ferrara, ove si laureò in diritto e instaurò relazioni con eruditi greci in esilio a causa delle loro idee, di cui il primo propagatore era stato il filosofo neoplatonico bizantino Gemisto Pletone (1360-1452), ispiratore dell’Accademia neoplatonica di Firenze.
Ritornato in Germania, Dalberg concepì la creazione di una simile accademia umanistica, e ne fece partecipi l’erudito olandese Rudolph Huesmann o Hausmann, più noto con il nome latino di Agricola, conosciuto in Italia, e il giovane Johann Heidenberg[4]. Insieme al poeta laureato Konrad Celtis[5], che prese il nome di Celtes Protucius, diede nascita alla Sodalitas litteraria rhenana, una straordinaria associazione che coltivava le lingue antiche, la matematica, l’astronomia e la filosofia, ma anche l’astrologia, la mistica dei numeri e la filosofia pitagorica. Dalberg vi assunse il nome di Camerarius (la chiave di volta), Huesmann quello di Agricola (il coltivatore degli intelletti) e Johann Heidenberg quello di Trithemius (il terzo legame), che da quel momento conservò.
In onore del suo fondatore Konrad Celtis, l’accademia assunse anche il nome di Sodalitas celtica, e ad essa aderirono anche il kabbalista cristiano Paolo Ricci, allievo di Pico della Mirandola, Johann Reuchlin, Willibald Pirckheimer, ed altri.
Verso la fine del 1481, Tritemio desiderò rivedere la madre e il fratello e si mise in viaggio per Trittenheim con un compagno, ma si smarrì e si ritrovò nei dintorni del monastero benedettino di San Martino di Sponheim, al quale chiese ospitalità. Dopo cinque giorni prese la decisione di rimanervi: il 21 marzo vi fu accolto come novizio e il 21 novembre pronunciò i voti definitivi.
Il 29 luglio 1483 era eletto abate del monastero, che era uno dei più poveri del Palatinato; ma si dette subito da fare per migliorarne le condizioni. Si rivelò un ottimo amministratore, e prese parte attiva anche nella ricostruzione, decorando persino le pareti della sua abitazione con quartine composte da amici, quali Konrad Celtis,, e anche da lui stesso, e le pareti del refettorio con gli stemmi dei 24 abati a lui precedenti e con il proprio.
Si applicò con ancora maggiore zelo alla riforma interiore e morale della comunità, imponendo la regola del lavoro e applicandola alla trascrizione dei testi manoscritti: Tritemio infatti privilegiava i manoscritti alle opere a stampa. Accrebbe così il numero dei volumi della biblioteca, da 48 che erano nel 1483, a quasi duemila nel 1505, acquistando o scambiando manoscritti e libri rari, tanto che la biblioteca divenne tappa obbligata per tutti gli umanisti che passavano dalla Germania[6].
Il monaco benedettino Wolfgang E. Heidel narra ad esempio che il 4 giugno 1496, un importante gruppo di personalità si recò a Sponheim in visita alla biblioteca: Johannes Dalberg, Francesco da Bologna, segretario dell’imperatrice[7], poeta e oratore versatissimo nelle lettere greche e latine; Heinrich de Bunaw, ministro del duca di Sassonia; Giovanni Virgilio di Bologna, giurista e segretario del conte palatino del Reno, e che divenne più tardi, con il nome di Polydoce, uno storico assai stimato[8]. Il poeta Konrad Celtis, che veniva sovente a trovare Tritemio, gli dedicò una quartina in stile oraziano:
Considerate, o ospite venerato, questi piccoli versi
Tritemio ha organizzato ciò che è per tre volte celebre
Lui che ha il culto dell’antichità nonché l’amore delle lingue,
E che, bastione degli archivi, insegna a chiunque venga[9].
L’abate godeva effettivamente di amicizie altolocate. L’imperatore Massimiliano I, intrattenne un carteggio con lui, finché non poté incontrarlo personalmente. Il conte palatino del Reno e il duca di Baviera lo onorarono della loro amicizia personale e ebbero più volte occasione di conversare a lungo con lui. Il margravio Elettore Joachim di Brandeburgo, uno Hohenzollern, gli dimostrava affetto e ammirazione, come testimonia una delle sue lettere, datata Berlino, 29 maggio 1507:
«Noi vi salutiamo, onore della Germania, Arca della scienza universale, che ci avete aiutato a ricordare Dio e ad amarlo, noi che vi amiamo appassionatamente»[10].
L’arcivescovo di Colonia, il duca di Sassonia, il margravio di Baden, il vescovo di Worms, il vescovo di Lubecca, per citare solo le maggiori celebrità tedesche della sua epoca, provavano per lui una particolare ammirazione e ci tenevano a dimostrarglielo per iscritto. Il legato papale lo aveva invitato a Roma, ma Tritemio aveva gentilmente rifiutato, poiché gli onori ecclesiastici non lo attiravano.
La biblioteca di Sponheim conteneva opere in molte lingue: in una lettera del 20 agosto 1507 indirizzata a Johannes Damius, uno degli amici che venivano spesso a fargli visita, l’abate scrive: «Raccogliemmo molti volumi rari e preziosi, in ogni disciplina, non solo a stampa, ma anche manoscritti su pergamena, cosicché, confidenzialmente, oserei dire che in tutta la Germania non esistesse una simile biblioteca, nella quale si trovassero tanti libri rari e antichissimi, in ogni tipo di scrittura, sia sacra che profana, e in lingue diverse, in ebraico, greco, latino, caldeo, arabo, zend (indiano) ruteno e cinese (tartarico)»[11].
Comprendeva ad esempio, oltre naturalmente agli scritti dei Padri della Chiesa, opere di Teocrito, Isocrate, Teofrasto, Aristippo, le Vite di Filostrato, i Versi aurei di Pitagora, le poesie di Esiodo, l’Iliade e l’Odissea, le opere di Porfirio, la gra...

Indice dei contenuti

  1. Premessa
  2. Il “maestro perfettissimo di magia naturale”[1]
  3. Pythagoricus esto[1]
  4. La steganografia
  5. Un estratto dal Libro delle meraviglie: La magia divina.
  6. Estratto da un’opera ermetica di Tritemio[1]
  7. Per una bibliografia dei manoscritti attribuiti a Tritemio[1]
  8. Manoscritti di testi attribuiti a Tritemio
  9. Bibliografia generale
  10. Il libro delle meraviglie
  11. Ringraziamenti
  12. Capitolo primo
  13. Capitolo secondo
  14. Capitolo terzo
  15. Capitolo quarto
  16. Capitolo quinto
  17. Capitolo sesto
  18. Capitolo settimo
  19. Capitolo ottavo
  20. Capitolo nono
  21. Capitolo decimo
  22. Capitolo undicesimo
  23. Capitolo dodicesimo
  24. Capitolo tredicesimo
  25. Capitolo quattordicesimo
  26. Capitolo quindicesimo
  27. Capitolo sedicesimo
  28. Capitolo diciassettesimo
  29. Capitolo diciottesimo
  30. Capitolo diciannovesimo
  31. Capitolo ventesimo
  32. Capitolo ventunesimo
  33. Capitolo ventiduesimo
  34. Capitolo ventitreesimo
  35. Capitolo ventiquattresimo
  36. Capitolo venticinquesimo
  37. Capitolo ventiseiesimo
  38. Capitolo ventisettesimo
  39. Capitolo ventottesimo
  40. Capitolo ventinovesimo
  41. Capitolo trentesimo
  42. Capitolo trentunesimo
  43. Capitolo trentaduesimo
  44. Capitolo trentatreesimo
  45. Capitolo trentaquattresimo
  46. Capitolo trentacinquesimo
  47. Capitolo trentaseiesimo
  48. Capitolo trentasettesimo
  49. Capitolo trentottesimo
  50. Capitolo trentanovesimo
  51. Capitolo quarantesimo
  52. Capitolo quarantunesimo
  53. Capitolo quarantaduesimo
  54. Capitolo quarantatreesimo
  55. Capitolo quarantaquattresimo
  56. Capitolo quarantacinquesimo
  57. Capitolo quarantaseiesimo
  58. Capitolo quarantasettesimo
  59. Capitolo quarantottesimo
  60. Capitolo quarantanovesimo
  61. Capitolo cinquantesimo
  62. Capitolo cinquantunesimo
  63. Capitolo cinquantaduesimo
  64. Capitolo cinquantaquattresimo
  65. Capitolo cinquantacinquesimo
  66. Capitolo cinquantaseiesimo
  67. Capitolo cinquantasettesimo
  68. Capitolo cinquantottesimo
  69. Capitolo cinquantanovesimo
  70. Capitolo sessantesimo
  71. Capitolo sessantunesimo
  72. Capitolo sessantaduesimo
  73. Capitolo sessantatreesimo
  74. Capitolo sessantaquattresimo
  75. Capitolo sessantacinquesimo
  76. Capitolo sessantaseiesimo
  77. Capitolo sessantasettesimo
  78. Capitolo sessantottesimo
  79. Capitolo sessantanovesimo
  80. Capitolo settantesimo
Stili delle citazioni per Il libro delle meraviglie

APA 6 Citation

Tritemio, G. (2013). Il libro delle meraviglie ([edition unavailable]). La Lepre. Retrieved from https://www.perlego.com/book/2634028/il-libro-delle-meraviglie-pdf (Original work published 2013)

Chicago Citation

Tritemio, Giovanni. (2013) 2013. Il Libro Delle Meraviglie. [Edition unavailable]. La Lepre. https://www.perlego.com/book/2634028/il-libro-delle-meraviglie-pdf.

Harvard Citation

Tritemio, G. (2013) Il libro delle meraviglie. [edition unavailable]. La Lepre. Available at: https://www.perlego.com/book/2634028/il-libro-delle-meraviglie-pdf (Accessed: 15 October 2022).

MLA 7 Citation

Tritemio, Giovanni. Il Libro Delle Meraviglie. [edition unavailable]. La Lepre, 2013. Web. 15 Oct. 2022.