Nebbia
eBook - ePub

Nebbia

Miguel de Unamuno

  1. Italian
  2. ePUB (disponibile sull'app)
  3. Disponibile su iOS e Android
eBook - ePub

Nebbia

Miguel de Unamuno

Dettagli del libro
Anteprima del libro
Indice dei contenuti
Citazioni

Informazioni sul libro

Identità confuse e verità "nebbiose" (edizione 2022)
Il romanzo, pubblicato per la prima volta nel 1914, vede la luce tra le trincee della grande guerra e provoca subito un gran rumore. De Unamuno definisce il suo romanzo una "nivola", per definire l'intreccio romanzo-protagonista-autore che rende speciale questo libro.
Unamuno si concentrò particolarmente sull'evoluzione e sullo sviluppo psicologico dei vari personaggi, contrapponendosi al narratore onnisciente in terza persona presente nel realismo. L'idea quindi è preponderante rispetto alla forma, e la distinzione tra autore e personaggi è spesso labile, tanto da scomparire.
La trama è di per sé piuttosto semplice almeno fino al capitolo 31: da lì in poi inizia un altro libro. Un dialogo serrato tra l'autore e il personaggio principale che – tra accuse reciproche di "inesistenza" – si conclude con la mesta uscita di scena del protagonista, rassegnato alla morte per mano dell'autore.
Qualche dettaglio in più va dato, per incuriosire chi ancora non conoscesse quest'opera.
La vita di Augusto è avvolta in una sorta di nebbia non fisica ma spirituale, che non gli consente di vivere appieno, di accorgersi di quanto accade attorno a lui ma nemmeno di quanto accade dentro di lui. Incontrerà delle donne sulla sua strada, se ne innamorerà (o crederà di innamorarsi), sarà sul punto di sposarsi quando una tremenda delusione lo porta a decisioni estreme.
Il libro diventa speciale quando Augusto decide di incontrare l'autore del libro. Quindi esce dal libro (e dalla nebbia) e si confronta con Unamuno. È un confronto serrato in cui l'identità di Augusto si frammenta e diviene indecisa e indefinita.
È un testo calato nel suo tempo (possiamo vedere il libro anche come un atto di accusa "contro" la guerra appena iniziata), eppure "eterno" sono gli anni del definitivo crollo delle geometrie euclidee (oltre che di una serie di scoperte "sconvolgenti" e "anti-intuitive") e da lì in poi inizia il crollo per le idee di certezza assoluta, individuo e verità. Forse, l'uscita dalla nebbia del personaggio è solo l'ingresso in una nebbia ancora più fitta dalla quale – purtroppo – crediamo di essere usciti.
Riscoprire e ri-leggere questo testo ci aiuta a riconnetterci con un "circolo ermeneutico" che davamo disperso, e ci fa godere del piacere di un'ottima prova di grande letteratura. L'autore: Scrittore e pensatore spagnolo (Bilbao 1864 - Salamanca 1936), è il maggior rappresentante degli intellettuali innovatori della "generazione del '98". Già nei primi saggi En torno al casticismo (1895) attaccò il fanatismo conservatore; la critica dell'isolamento orgoglioso e dell'ostinata fedeltà alla tradizione proseguì nei successivi Ensayos, riuniti da ultimo in sette volumi (1916-18). Ma, partito dalla polemica antitradizionalista e, come più tardi Ortega y Gasset, dall'esigenza di definire il posto della Spagna nell'Europa industrializzata, U. identificò il ruolo della hispanidad nel mantenimento del "senso tragico della vita", cioè nella viva coscienza delle antinomie fondamentali (ragione e fede, vita e intelletto) che il moderno razionalismo non potrà risolvere. Questo e gli altri temi di U., l'ansia di eternità, il rapporto fra Dio e l'uomo, sono sviluppati in saggi, romanzi e nel teatro.

Domande frequenti

Come faccio ad annullare l'abbonamento?
È semplicissimo: basta accedere alla sezione Account nelle Impostazioni e cliccare su "Annulla abbonamento". Dopo la cancellazione, l'abbonamento rimarrà attivo per il periodo rimanente già pagato. Per maggiori informazioni, clicca qui
È possibile scaricare libri? Se sì, come?
Al momento è possibile scaricare tramite l'app tutti i nostri libri ePub mobile-friendly. Anche la maggior parte dei nostri PDF è scaricabile e stiamo lavorando per rendere disponibile quanto prima il download di tutti gli altri file. Per maggiori informazioni, clicca qui
Che differenza c'è tra i piani?
Entrambi i piani ti danno accesso illimitato alla libreria e a tutte le funzionalità di Perlego. Le uniche differenze sono il prezzo e il periodo di abbonamento: con il piano annuale risparmierai circa il 30% rispetto a 12 rate con quello mensile.
Cos'è Perlego?
Perlego è un servizio di abbonamento a testi accademici, che ti permette di accedere a un'intera libreria online a un prezzo inferiore rispetto a quello che pagheresti per acquistare un singolo libro al mese. Con oltre 1 milione di testi suddivisi in più di 1.000 categorie, troverai sicuramente ciò che fa per te! Per maggiori informazioni, clicca qui.
Perlego supporta la sintesi vocale?
Cerca l'icona Sintesi vocale nel prossimo libro che leggerai per verificare se è possibile riprodurre l'audio. Questo strumento permette di leggere il testo a voce alta, evidenziandolo man mano che la lettura procede. Puoi aumentare o diminuire la velocità della sintesi vocale, oppure sospendere la riproduzione. Per maggiori informazioni, clicca qui.
Nebbia è disponibile online in formato PDF/ePub?
Sì, puoi accedere a Nebbia di Miguel de Unamuno in formato PDF e/o ePub, così come ad altri libri molto apprezzati nelle sezioni relative a Mezzi di comunicazione e arti performative e Storytelling. Scopri oltre 1 milione di libri disponibili nel nostro catalogo.

Informazioni

Orazione funebre a titolo di epilogo

È consuetudine alla fine dei romanzi e dopo la morte o il matrimonio dell’eroe o protagonista dar notizie della sorte degli altri personaggi. Non seguiremo questa consuetudine e non daremo, perciò, alcuna notizia di quanto accadde a Eugenia e a Maurizio, a Rosaria, a Liduvina e a Domenico, al signor Fermin e alla signora Ermelinda, a Vittorio e a sua moglie, e a tutti gli altri che ci sono apparsi intorno ad Augusto, e neppure diremo ciò che provarono e dissero della sua strana morte. Faremo soltanto un’eccezione a favore di chi piò profondamente e sinceramente sofferse per la morte di Augusto, un’eccezione a favore del suo cane, Orfeo.
Orfeo, infatti, si trovò orfano. Quando, saltando sul letto, annusò il padrone, annusò la morte del suo padrone, il suo spirito canino fu avvolto da una densa nube nera. Aveva fatto esperienza di altre morti, aveva annusato e visto cani e gatti morti, aveva ucciso qualche topo, aveva annusato la morte degli uomini, ma credeva che il suo padrone fosse immortale. Perché il padrone era per lui un Dio. Ora, fiutandolo morto, sentì che franavano nel suo spirito tutte le fondamenta della sua fede nella vita e nel mondo, ed un’immensa desolazione invase il suo petto.
Ed accovacciato ai piedi del padrone morto, pensò:
«Povero padrone mio, povero padrone mio! È morto, è morto! Muore tutto, tutto, tutto; tutto è morto per me! Ed è peggio che tutto muoia per me che io muoia al tutto. Povero padrone mio, povero padrone mio! Questi che giace, qui, bianco, freddo, che sa di prossima putrefazione, di carne da mangiare, questi non è più il mio padrone. No, non io è. Dov’è andato il mio padrone, che mi accarezzava, che mi parlava?
«Che strano animale è l’uomo! Mai fa attenzione a ciò che ha presente. Ci accarezza senza che noi si possa saperne la ragione e non quando noi lo accarezziamo; invece, quando ci avviciniamo a lui, ci respinge o ci castiga. Non c’è modo di sapere quel che vuole, ma forse neppure lui lo sa. Pare che sempre faccia attenzione a ciò che non c’è, né guarda quel che vede. È come se per lui esistesse un altro mondo. Ed è evidente che se esiste un altro mondo, non esiste questo.
«E poi parla o latra in modo complicato. Noi ululavamo e per imitarlo, imparammo a latrare, ma neppure così siamo riusciti ad intenderci. Lo intendiamo soltanto quando anche lui ulula. Quando l’uomo ulula o grida o minaccia lo intendono molto bene gli altri animali. Perché in questo caso non è distratto da un altro mondo!... Però latra a modo suo, parla, e ciò gli ha servito per inventare ciò che non ce e a non fissarsi in ciò che c’è. Non appena ha dato un nome a qualcosa, non vede più questo qualcosa; sente solo il nome che gli ha dato, o lo vede scritto. La lingua gli serve per mentire, per inventare ciò che non c’è, e per confondersi. E per lui tutto è un pretesto per parlare con gli altri o con se. stesso. E persino noi cani abbiamo subito il suo contagio!
«È un animale malato, non c’è dubbio. È sempre malato! Solo pare che goda una certa salute quando dorme ma non sempre, perché qualche volta parla nel sonno! Ed anche di questo abbiamo subito il contagio! Ci ha contagiati in tante cose...!
«E poi c’insulta! Chiama cinismo, ossia cosa da cani, la mancanza di pudore, la sfacciataggine, lui, l’animale ipocrita per eccellenza.
Il linguaggio lo ha reso ipocrita. Come se l’ipocrisia dovesse essere chiamata antropismo e la mancanza di pudore forse cinismo. Ed ha voluto renderci ipocriti, ossia, pagli...

Indice dei contenuti

  1. Titolo pagina
  2. I
  3. II
  4. III
  5. IV
  6. V
  7. VI
  8. VII
  9. VIII
  10. IX
  11. X
  12. XI
  13. XII
  14. XIII
  15. XIV
  16. XV
  17. XVI
  18. XVII
  19. XVIII
  20. XIX
  21. XX
  22. XXI
  23. XXII
  24. XXIII
  25. XXIV
  26. XXV
  27. XXVI
  28. XXVII
  29. XXVIII
  30. XXIX
  31. XXX
  32. XXXI
  33. XXXII
  34. XXXIII
  35. Orazione funebre a titolo di epilogo
Stili delle citazioni per Nebbia

APA 6 Citation

Unamuno, M. (2018). Nebbia ([edition unavailable]). KKIEN Publ. Int. Retrieved from https://www.perlego.com/book/2091099/nebbia-pdf (Original work published 2018)

Chicago Citation

Unamuno, Miguel. (2018) 2018. Nebbia. [Edition unavailable]. KKIEN Publ. Int. https://www.perlego.com/book/2091099/nebbia-pdf.

Harvard Citation

Unamuno, M. (2018) Nebbia. [edition unavailable]. KKIEN Publ. Int. Available at: https://www.perlego.com/book/2091099/nebbia-pdf (Accessed: 15 October 2022).

MLA 7 Citation

Unamuno, Miguel. Nebbia. [edition unavailable]. KKIEN Publ. Int., 2018. Web. 15 Oct. 2022.