L'Italia che non ci sta
eBook - ePub

L'Italia che non ci sta

Viaggio in un paese diverso

Francesco Erbani

  1. 176 Seiten
  2. Italian
  3. ePUB (handyfreundlich)
  4. Über iOS und Android verfĂŒgbar
eBook - ePub

L'Italia che non ci sta

Viaggio in un paese diverso

Francesco Erbani

Angaben zum Buch
Buchvorschau
Inhaltsverzeichnis
Quellenangaben

Über dieses Buch

Questo libro Ăš un viaggio in luoghi in cui Ăš possibile osservare un'Italia in movimento, che ripopola luoghi abbandonati e custodisce un bene culturale, che applica precetti di sobrietĂ  e di ostinazione; che crede nella dignitĂ  del lavoro, che si batte contro il suo sfruttamento e ritiene che, oltre a fornire compensi economici, essa induca un cambio di passo nella propria vita, apra inedite prospettive e svolga un servizio di cui beneficia una collettivitĂ  piĂș vasta, di cui si avvantaggiano un luogo e un territorio. Il punto di vista che anima il viaggio Ăš essenzialmente dal basso: il mestiere del cronista detta numerose regole, fra le quali devono primeggiare l'andare a vedere, l'ascolto, il contatto diretto - insostituibili metodi di conoscenza, potenziati e non sostituiti dalla Rete. Il viaggio si nutre delle storie concrete di persone e degli spazi in cui esse agiscono, storie individuali, piĂș spesso collettive, di relazioni con l'ambiente, di interlocuzione e di conflitti.

HĂ€ufig gestellte Fragen

Wie kann ich mein Abo kĂŒndigen?
Gehe einfach zum Kontobereich in den Einstellungen und klicke auf „Abo kĂŒndigen“ – ganz einfach. Nachdem du gekĂŒndigt hast, bleibt deine Mitgliedschaft fĂŒr den verbleibenden Abozeitraum, den du bereits bezahlt hast, aktiv. Mehr Informationen hier.
(Wie) Kann ich BĂŒcher herunterladen?
Derzeit stehen all unsere auf MobilgerĂ€te reagierenden ePub-BĂŒcher zum Download ĂŒber die App zur VerfĂŒgung. Die meisten unserer PDFs stehen ebenfalls zum Download bereit; wir arbeiten daran, auch die ĂŒbrigen PDFs zum Download anzubieten, bei denen dies aktuell noch nicht möglich ist. Weitere Informationen hier.
Welcher Unterschied besteht bei den Preisen zwischen den AboplÀnen?
Mit beiden AboplÀnen erhÀltst du vollen Zugang zur Bibliothek und allen Funktionen von Perlego. Die einzigen Unterschiede bestehen im Preis und dem Abozeitraum: Mit dem Jahresabo sparst du auf 12 Monate gerechnet im Vergleich zum Monatsabo rund 30 %.
Was ist Perlego?
Wir sind ein Online-Abodienst fĂŒr LehrbĂŒcher, bei dem du fĂŒr weniger als den Preis eines einzelnen Buches pro Monat Zugang zu einer ganzen Online-Bibliothek erhĂ€ltst. Mit ĂŒber 1 Million BĂŒchern zu ĂŒber 1.000 verschiedenen Themen haben wir bestimmt alles, was du brauchst! Weitere Informationen hier.
UnterstĂŒtzt Perlego Text-zu-Sprache?
Achte auf das Symbol zum Vorlesen in deinem nÀchsten Buch, um zu sehen, ob du es dir auch anhören kannst. Bei diesem Tool wird dir Text laut vorgelesen, wobei der Text beim Vorlesen auch grafisch hervorgehoben wird. Du kannst das Vorlesen jederzeit anhalten, beschleunigen und verlangsamen. Weitere Informationen hier.
Ist L'Italia che non ci sta als Online-PDF/ePub verfĂŒgbar?
Ja, du hast Zugang zu L'Italia che non ci sta von Francesco Erbani im PDF- und/oder ePub-Format sowie zu anderen beliebten BĂŒchern aus Desarrollo personal & Viajes. Aus unserem Katalog stehen dir ĂŒber 1 Million BĂŒcher zur VerfĂŒgung.

Information

Verlag
EINAUDI
Jahr
2019
ISBN
9788858431689
Capitolo quarto

La forza generativa di un bene culturale

1. Don Antonio e i ragazzi della SanitĂ .

I ponti sono fatti per unire. Quello che a Napoli sovrasta la SanitĂ , invece, spacca in due il rione e lo fa sprofondare piĂș di quanto giĂ  non sia infossato. Non Ăš opera recente, risale al primo decennio dell’Ottocento. Fu realizzato da Gioacchino Murat che per conto della Francia napoleonica reggeva le sorti della cittĂ . I Borbone erano stati allontanati e, a prescindere dal ponte, il decennio di dominio francese fu per Napoli discretamente fruttuoso. Si avviarono riforme, fu promossa l’eversione della feudalitĂ  e, comunque, non fu un danno liberarsi per un po’ dei Borbone.
Il ponte, in realtà, serviva per unire due punti della città, il centro e la reggia di Capodimonte, ma ne disprezzava una parte, usata come vile supporto dei suoi pesanti piloni e offrendo di essa una vista dall’alto, quasi uno sguardo impietoso e sdegnato su una caverna infernale, popolata di spiriti indegni. La Sanità, che doveva il proprio nome a una forma di salubrità originaria, si era trasformata in un bacino nel quale precipitavano le acque piovane provenienti dalla collina di Capodimonte. E la storia del rione annovera numerose, terribili alluvioni. Il ponte era l’ultima mortificazione cui la Sanità era stata sottoposta.
Andati via i francesi, i Borbone al rientro sul trono si trovarono un’infrastruttura che sarebbe tornata loro molto utile. E il ponte Ăš via via entrato nel paesaggio cittadino con la sua bizzarra morfologia, rivivendo poi nella tradizione popolare. In una canzone dei primi del Novecento, Ria Rosa, una cantante nata non lontano da qui, nel quartiere di Montecalvario, invita perentoriamente il suo ex amante a spararsi, ma se dovesse preferire un’altra soluzione, c’ù sempre il ponte della SanitĂ  dal quale buttarsi giĂș.
Oggi, con un freddo che spacca le labbra, la cittĂ  di sopra scorre turbolenta lungo il ponte e scorge distratta la targa che su un edificio ricorda che qui soggiornĂČ e morĂ­ Giacomo Leopardi, ospite di Antonio Ranieri. Mi affaccio dal ponte e vedo sotto scalpitare un’altra cittĂ  e proprio dove affondano minacciosi due piloni, so che si spalanca un’altra cittĂ  ancora. È una catacomba, intitolata a San Gaudioso, una cittĂ  di morti che attraversa il sottosuolo della SanitĂ , svicola fra cave e caverne di tufo e quasi sfocia in un’altra catacomba, che si apre nelle viscere di Capodimonte e dove vennero traslati i resti di san Gennaro. E al santo patrono questa catacomba Ăš intestata. Tre cittĂ  l’una sull’altra.
«Il mio obiettivo Ăš che si riappacifichino, in nome della bellezza che ognuna custodisce». A don Antonio Loffredo interessa molto che aumentino i visitatori delle catacombe, i quali nel 2017 hanno superato quota centomila, nel 2018 centotrentamila, da cinquemila che erano qualche anno fa, ed Ăš contento che macinino continui incrementi. Ma don Antonio non sta lĂ­ a tenere ansioso la conta dei biglietti staccati, gli interessa soprattutto che sia la cittĂ , non piĂș divisa in strati, segmentata in verticale, a far fluire gli umori vitali dall’alto verso il basso e viceversa, dai luoghi delle sepolture fino ai piani elevati, agli attici in cui non molto tempo fa ancora s’ignorava che cosa stesse accadendo alla SanitĂ  che non fosse pertinenza delle cronache giudiziarie.
Poi Ăš esplosa la controversia proprio intorno agli incassi generati da quei biglietti, metĂ  dei quali il Vaticano ha chiesto gli venissero corrisposti in virtĂș delle norme concordatarie che regolano la gestione delle catacombe. E allora in cittĂ  si Ăš diffuso il racconto di quel che facevano don Antonio e i ragazzi nelle catacombe e intorno alle catacombe della SanitĂ .
La SanitĂ  Ăš un rione, non un quartiere. La differenza non Ăš evidente, ma nessuno lo chiama quartiere. È il rione dove nacque TotĂČ, e anche quello in cui Eduardo De Filippo immaginava imponesse le proprie regole uno speciale “sindaco”. In cinque chilometri quadrati vivono 67 000 persone. I disoccupati sono in media il quarantadue per cento, ma fra i giovani la percentuale supera il sessanta. Il trenta per cento Ăš il tasso di dispersione scolastica. Qui gruppi di ragazzini a bordo di motorini truccati inscenano le “stese”, sparando in aria e imponendo a chi passa di stendersi a terra per evitare i proiettili. Non riuscĂ­ a scansare una pallottola il giovane Genny Cesarano, vittima innocente di una pratica esibita per scalare i gradini del clan camorrista. Per contrastare questo sfoggio di potenza criminale – per molti, all’inverso, un segno di debolezza – si era proposto di installare un nutrito cordone di videocamere, non bastando una camionetta dell’esercito. Ma sono occorsi mesi e mesi prima che questi occhi elettronici fossero piazzati agli angoli dei vicoli. Nel labirinto che questi vicoli formano, infilandosi in cunicoli e risalendo come tante vene verso Capodimonte, erano acquartierati una ventina di esponenti del clan camorrista dei Vastarella arrestati ai primi di marzo del 2017.
D’altronde alla Sanità la camorra vanta molti quarti di nobiltà. Negli anni Ottanta del Novecento il signore del rione era Giuseppe Misso, ’o Nasone, finito persino nelle inchieste sulla strage fascista del Rapido 904, nel dicembre del 1984 (ma poi assolto). Negli ultimi anni il controllo del rione viene spartito fra i Vastarella, i Sequino e i Lo Russo, eredi di Misso, stando alle geografie stilate dalla Direzione investigativa antimafia.
Incontro don Antonio all’infopoint delle catacombe di San Gennaro, su in alto, a Capodimonte, una mattina in cui a Napoli nevica e i tentativi per cercare i precedenti di questo inusuale accadimento meteorologico si disperdono negli anni o nei decenni. Il conflitto con il Vaticano non Ăš ancora emerso. Ma, a pensarci dopo, qualche felpato accenno non Ăš difficile coglierlo in un ambiente dove anche le contrapposizioni piĂș violente scivolano come se si camminasse con le pattine su un parquet.
Don Antonio indossa un golf marrone, pantaloni scuri e nessun segno che l’identifichi come sacerdote. Ma alla SanitĂ  sanno tutti che Ăš lui quando vedono una Panda chiara che sgomma nervosa inerpicandosi verso Capodimonte. Don Antonio ha sessant’anni, un fisico asciutto, i modi bruschi. Il sorriso Ăš perĂČ largo e la parlata avvolgente. Suo padre aveva un’impresa di importazioni. Non la prese bene quando seppe che il figlio sarebbe diventato sacerdote.
Dal 2001 ù il parroco della basilica di Santa Maria della Sanità, un sontuoso gioiello di fine Cinquecento nel cui chiostro calano i piloni del ponte. (Don Antonio ha raccontato la propria storia e quella dei ragazzi della Sanità in un libro, Noi del rione Sanità, uscito nel 2013). Con lui dal 2003 c’ù anche padre Alex Zanotelli, battagliero missionario prima in Africa poi sul fronte del pacifismo, dell’acqua pubblica, della cittadinanza attiva. Credo che neanche in piena estate padre Zanotelli abbandoni la sua sciarpa con i colori dell’arcobaleno.
Dal ventre della basilica si scende nelle catacombe di San Gaudioso, una necropoli che ha funzionato dall’età paleocristiana fino al XVII secolo. Una catacomba, non un rifugio dalle persecuzioni o dai martirü, dei quali a Napoli non c’era quasi traccia. Persecuzioni che invece spinsero Gaudioso, un vescovo africano, a trovare ricovero qui, a metà del V secolo, inseguito dalla furia del re dei Vandali, Gianserico. Gaudioso ora lo raccontano come il simbolo della multietnicità che ha sempre reso accogliente la Sanità, nella cui toponomastica resta incisa persino la permanenza di colonie di cinesi, venuti qui nel Settecento al seguito del gesuita Matteo Ripa.
Molti, forse tutti, a Napoli sapevano che sotto la SanitĂ  e nelle viscere dello scintillante barocco contenuto nelle chiese, nei conventi, nel palazzo Sanfelice (dove fu girata la versione cinematografica di Questi fantasmi di Eduardo De Filippo) e in quello dello Spagnuolo, entrambi geniali architetture di Ferdinando Sanfelice, esisteva un mondo fatto di gallerie, di cunicoli, di nicchie, arcosoli e affreschi, un mondo popolato dai morti che perĂČ interloquiva con quello abitato dai vivi. Un dialogo sulla cui sintassi a Napoli gronda tanta letteratura. Si sapeva anche che da qualche parte, non tanto distante da qui, nel cimitero delle Fontanelle si accumulavano ’e capuzzelle, teschi con i quali molti napoletani intrattenevano relazioni quasi familiari, di adozione affettiva. Ma soltanto dal 2006, questa e l’altra catacomba piĂș a nord, intitolata al santo patrono della cittĂ , sono state riconsegnate pienamente non solo alla cittĂ  di sopra, ma alla cittĂ  di tutti. Anche se non tutta la cittĂ  ne Ăš stata consapevole. E cosĂ­, con una serie di intuizioni un po’ urbanistiche, un po’ storico-artistiche, un po’ politiche, e qualche colpo di mano, si Ăš provato a far scorrere nelle vene sotterranee un collante che poteva ricucire il rione spaccato dal ponte e farlo emergere dal fosso in cui era precipitato, dalla periferia in cui si macerava pur essendo nel centro storico. Don Antonio si fa perentorio: «Per anni uno dei quartieri piĂș abbandonati di Napoli ha custodito inconsapevolmente la propria ricchezza nel sottosuolo. Ora l’abbiamo riportata alla luce».
Quando arrivĂČ a Santa Maria della SanitĂ , don Antonio si trovĂČ anche direttore delle catacombe, che, come tutti i luoghi di culto, anche quelli archeologici, appartenevano alla curia. E al Vaticano, tramite la curia. Entrambe, come la chiesa, erano in condizioni pietose. Pericolanti, buie, zeppe di detriti, con infiltrazioni d’acqua e impregnate d’umiditĂ . Ridotti gli orari in cui era possibile entrarvi, pochissimi i visitatori, accompagnati da alcuni ragazzi istruiti da don Giuseppe Rassello, il parroco che reggeva la basilica prima di don Antonio. «Ho capito subito che le catacombe erano un’enorme risorsa per un rione cosĂ­ carico di disagi e perĂČ ricco di un patrimonio storico e artistico pregiatissimo, – racconta don Antonio, che ha una laurea in teologia e ha compiuto studi di archeologia cristiana. – Immaginai che se l’avessimo messa a valore, questa bellezza poteva diventare il volano di nuova occupazione per i piĂș giovani. Unendo un passato cosĂ­ pieno di cultura alla creativitĂ  della gente del rione, era possibile chiamare il presente a organizzare il futuro».
Ora le due catacombe, usate anche per ospitare rassegne di arte contemporanea, sono gestite da una cooperativa sociale. L’ha promossa don Antonio. Si chiama La Paranza. La paranza Ăš il peschereccio, una metafora che rimanda al raccolto fruttuoso, al lavoro e alla fatica della gente di mare. Ed Ăš anche una metafora evangelica. La cooperativa Ăš composta da ventisette soci, giovani e giovanissimi, la gran parte dei quali provenienti dalla SanitĂ . Una cinquantina sono ora i dipendenti, tutti con un contratto a tempo indeterminato, regolare, molti part-time. Diversi fra i soci e i dipendenti erano i ragazzi ai quali don Antonio offrĂ­ ospitalitĂ  per aiutarli a fare i compiti nei pomeriggi dopo la scuola. I bambini alla SanitĂ  stavano in strada e la strada poteva risucchiare molti di loro. Ci voleva poco che venissero ingaggiati per spacciare o che inforcassero un motorino per uno scippo giĂș, in via Foria o sotto, al Museo nazionale archeologico. Altri, raggiunta l’adolescenza, sognavano solo di andar via dalla SanitĂ  e da Napoli. Racconta don Antonio che arrivavano da lui molte mamme ad affidargli i ragazzini, sfinite dall’ansia di avere un marito in galera e di vedere le proprie creature sul punto di entrarvi.
La parrocchia aveva aperto le porte ai ragazzi giĂ  con don Rassello. E fu lui a pagare per primo le conseguenze d’aver rotto i codici di un ambiente acquiescente, anche interno alla Chiesa, e per aver predicato dal pulpito contro il dominio camorrista. Quella di don Rassello Ăš una storia che ammonisce e interrogherĂ  per sempre il rione SanitĂ . Venne accusato di aver abusato di un quattordicenne. Fu allontanato e sostituito da un altro sacerdote, Pasquale Calemme, che poco dopo abbandonĂČ l’abito talare. Don Rassello venne processato e condannato in primo e in secondo grado, nonostante i dibattimenti avessero evidenziato le vistose falle dell’accusa. Don Rassello non arrivĂČ mai a veder proclamata la sua innocenza, alla quale credevano tantissimi suoi parrocchiani e della quale Ăš convinto don Antonio: un tumore lo uccise a quarantanove anni e per lui il solo riconoscimento furono funerali solenni voluti da don Antonio e celebrati nella sua parrocchia, presente persino il cardinale.
Aiutati da volontari, prima con don Rassello, poi soprattutto con don Antonio, sostenuti da alcuni tirocinanti provenienti dall’UniversitĂ  di Suor Orsola Benincasa, i ragazzi non facevano solo i compiti. Frequentavano laboratori d’arte, suonavano, recitavano, crescevano insieme. E poi viaggiavano. Prima in Italia, poi anche all’estero, in Inghilterra, in Francia, in Palestina, in Marocco. Il viaggio, dice don Antonio, «Ú uno strumento educativo principe». Alcuni di loro restavano fuori anche un paio di mesi. Imparavano sia le lingue sia che la SanitĂ  non era un luogo diviso e soffocato da un ponte, ma parte di un mondo. «I volti e gli sguardi dei nostri bambini mi hanno spesso tolto il sonno, – ripete don Antonio. – Loro interrogavano senza pronunciare domande e noi dovevamo fornire risposte semplici e concrete per poterli raggiungere direttamente e davvero».
Per loro fu restaurata la casa canonica della chiesa della Maddalena ai Cristallini, che si aprĂ­ a tutto il rione, anche per accogliere gli adulti, che organizzavano cene e feste. Poi arrivĂČ L’Altra Casa, una casa canonica annessa alla basilica di San Severo. «Capimmo quali erano le esigenze, ma ci scontrammo con tanti ostacoli – le amministrazioni pubbliche, le competenze sovrapposte – che confermavano nei ragazzi le antiche convinzioni sul fatto che nulla si potesse cambiare. A me non restava che lavorare, forzare e scardinare le chiusure. Alla SanitĂ  il cristallo s’incrinava piĂș volte, ma non andava mai in pezzi».
Ogni tanto qualcuno dei ragazzi si perdeva, veniva ingoiato dalla strada e finiva in galera per uno scippo. Poi veniva recuperato. La fedina penale immacolata non Ú mai stato un requisito indispensabile. Anzi. «Io non sono qui per chiedere scusa, sono qui per ricominciare», dice Salvatore nella testimonianza raccolta da Chiara Nocchetti e ora pubblicata in Vico esclamativo, il primo volume di una casa editrice nata come costola della cooperativa.
La maggior parte dei ragazzi ha studiato Storia dell’arte, Restauro e Conservazione dei beni culturali e anche Management culturale, altri hanno frequentato corsi di imprenditoria. Enzo ha un viso da ragazzone, Ăš uno, dice di lui don Antonio, «che non voleva nĂ© studiare nĂ© lavorare e che metteva a dura prova persino la mia flemma». Adesso Enzo, una laurea in Conservazione dei beni culturali, cura la comunicazione della Paranza, e ha vinto una borsa di studio allo Iacocca Institute in Pennsylvania. Valeria, guida esperta, affabile e colta, mai verbosa, storica dell’arte, ha iniziato aiutando a restaurare gli affreschi delle catacombe, e adesso ha un contratto part-time a tempo indeterminato per quattro ore al giorno. La seguo in una visita, e alla fine Valeria spiega a un piccolo gruppo di persone cos’ù La Paranza, come questa tenga insieme custodia, tutela e gestione di un bene culturale con un’occasione di lavoro per tutti loro, che alla SanitĂ  vogliono restare, e come il bene culturale non sia chiuso sottoterra, nei loculi e nelle urne, ma vibri in tutto il rione, un territorio culturale di per sĂ©. Un rione e anche una cittĂ , potrei aggiungere osservando gli occhi scuri di Valeria, che di lavoro non ne offrono tanto alla loro generazione e alla quale propongono forse di fuggire. Un rione, e anche una cittĂ , dove il lavoro Ăš una prospettiva di dignitĂ  radicalmente alternativa a quella che a piene mani offrono i clan criminali. Tanto meglio se a offrire il lavoro sono le catacombe, che trasmettono appartenenza a un territorio, il loro, che ha sempre accolto chi proviene da fuori, a cominciare dal vescovo Gaudioso.
Un giorno, al termine di un’intervista in pubblico a Pistoia – era l’aprile del 2017 – chiesi a don Antonio come i clan camorristi della SanitĂ  avevano reagito a quel che facevano lui e i suoi ragazzi. Mi mise paternamente una mano sul braccio: «Voi giornalisti sempre lĂ­ andate a finire. Lo sapevo che anche tu mi avresti fatto una domanda cosí». Non spiegĂČ che cosa intendeva con quel «cosí», si limitĂČ a ribadire il senso civile che emanavano le loro azioni. D’altronde, come poteva reagire un boss che spaccia droga vedendosi sottratta preziosa manovalanza? Che sentimenti poteva nutrire un capoclan di fronte al carisma di don Antonio che oscurava il proprio? Capii che con quel «cosí» voleva dire che lui era un prete e i preti non sono nĂ© poliziotti nĂ© magistrati, con i quali si condivide un obiettivo, ma la via per perseguirlo Ăš parallela, non deve coincidere.
Le catacombe sono spettacolari. Ci si entra a piccoli gruppi, sempre accompagnati da una guida, una spiega in italiano, un’altra in inglese. In quella dedicata a san Gaudioso si veniva sepolti fino al Seicento. Erano i ricchi signori a richiedere questo privilegio. In cambio, i frati domenicani che custodivano il luogo esigevano lauti esborsi, che sarebbero serviti all’edificazione dell’attuale basilica. Le famiglie dei defunti davano incarico ad alcuni artisti di affrescare le sepolture, e cosí sono ancora visibili, fra le altre pitture, sontuosi abiti femminili in testa ai quali in un foro veniva incassato il teschio oppure lo scheletro di un bellicoso signore che si appoggia a una spada. La guida conduce poi nelle stanze alle cui pareti erano applicate delle panche scandite da buchi. Sono gli scolatoi. Per motivi di igiene e di purificazione spirituale insieme, i cadaveri messi a sedere sullo sgabello andavano essiccati facendo scolare tutti i liquidi corporei. Con grazia, senza ammiccamenti, la guida racconta come questa pratica sopravviva nel dialetto napoletano con le invettive puozze sculà, possa tu morire ed essere svuotato, e con l’invenzione dello schiattamuorto, che ora vale genericamente a individuare il becchino, ma che si riferisce alla macabra prassi di schiattare, di premere sul cadavere per agevolare lo scolamento.
Ascoltando i racconti di Valeria sui resti di san Gennaro o sull’impronta bizantina degli affreschi, mi domando in quale casella si puĂČ infilare questa forma di tutela di un bene culturale. E subito mi rispondo che le categorie di pubblico e di privato, che tanto occupano il discorso sul patrimonio, fra queste pareti tufacee si sfarinano. Qui non c’ù proprietĂ  pubblica, ma tanto uso pubblico e tanto valore pubblico, sociale, civile, solidale, garantito da una cooperativa, dunque da un soggetto privato. Se fosse l’amministrazione pubblica a occuparsene, che ne sarebbe di Valeria e di Enzo e che cosa delle catacombe? Domande oziose, oltre il limite dell’improprio. Le ricaccio indietro, ma so giĂ  che mi torneranno a galla. Troppo inchiostro, troppe energie si spendono per definire, in tema di beni culturali, che cos’ù pubblico, e se il pubblico Ăš pienamente pubblico solo se statale o anche regionale o comunale. E quali compiti puĂČ assumere un privato, quali requisiti, scartata la mercificazione o l’utilizzazione impropria, debbano possedere il privato sociale o il mecenatismo. Qui sotto, nelle catacombe di San Gennaro, penso che le discussioni che avvengono nel mondo di sopra debbano misurarsi con il racconto di Valeria, la quale spiega come questa necropoli prenda nel tempo la forma di una basilica, con gli archi e le navate, e che qui Ăš custodito, per lei, per Enzo e per tutti loro della Paranza, un granello di conoscenze che si possono condividere, facendone il proprio mestiere.
La Paranza ù parte di un arcipelago di cooperative che fanno capo alla Fondazione San Gennaro, il cui presidente onorario ù il fotografo Mimmo Jodice, e ha fra i sostenitori la Fondazione Con il Sud, persino la Clinton Foundation, diverse aziende e l’associazione L’Altra Napoli, fra le prime istituzioni a supportare don Antonio. L’Altra Napoli ù stata fondata da un imprenditore, Ernesto Albanese, dopo che il padre, Emilio, venne ucciso durante una rapina nel 2005. Raccoglie un migliaio di sostenitori, molti fra i napoletani andati via dalla città. L’Altra Napoli ha finora investito alla Sanità quattro milioni. Ha contribuito a restaurare la casa dei Cristall...

Inhaltsverzeichnis

  1. Copertina
  2. Frontespizio
  3. I. L’Italia che non ci sta
  4. II. La resistenza dei luoghi
  5. III. Una terrazza in montagna
  6. IV. La forza generativa di un bene culturale
  7. V. Tutto il paese Ăš comunitĂ 
  8. Nota bibliografica
  9. Il libro
  10. L’autore
  11. Copyright
Zitierstile fĂŒr L'Italia che non ci sta

APA 6 Citation

Erbani, F. (2019). L’Italia che non ci sta ([edition unavailable]). EINAUDI. Retrieved from https://www.perlego.com/book/3426572/litalia-che-non-ci-sta-viaggio-in-un-paese-diverso-pdf (Original work published 2019)

Chicago Citation

Erbani, Francesco. (2019) 2019. L’Italia Che Non Ci Sta. [Edition unavailable]. EINAUDI. https://www.perlego.com/book/3426572/litalia-che-non-ci-sta-viaggio-in-un-paese-diverso-pdf.

Harvard Citation

Erbani, F. (2019) L’Italia che non ci sta. [edition unavailable]. EINAUDI. Available at: https://www.perlego.com/book/3426572/litalia-che-non-ci-sta-viaggio-in-un-paese-diverso-pdf (Accessed: 15 October 2022).

MLA 7 Citation

Erbani, Francesco. L’Italia Che Non Ci Sta. [edition unavailable]. EINAUDI, 2019. Web. 15 Oct. 2022.